Lupo Alberto 40 anni

dal 6 arzo al 19 ottobre 2014

«Perchè il lupo ama una gallina? Credo nella libertà di amare chiunque, senza limiti di età, sesso, razza, o specie animale, anche se mia moglie è una comune femmina di specie umana. Se poi vogliamo riferirci al fatto che i lupi di solito le galline le mangiano, ebbene, forse in quel lontano inverno di trent’anni fa ho semplicemente voluto ribaltare l’ancestrale stereotipo del lupo feroce predatore. Ho ammansito un lupo, tutto qua. Non lo aveva già fatto anche San Francesco?»

Silver

«Questo simpatico lupo azzurro, che invece di mangiare le galline se ne innamora, è riconosciuto come un personaggio controcorrente, che pensa con la sua testa e che è sempre pronto a difendere e a promuovere le giuste cause di chiunque ne abbia bisogno. Dai fumetti ai cartoni animati, in edicola, in libreria, in tv. in radio, in teatro, in innumerevoli opuscoli di interesse sociale, in infiniti utilizzi merceologici, il suo irresistibile sorriso lo ha caratterizzato in mille facce diverse, tutte indirizzate contemporaneamente al sano divertimento non meno che all’ammaestramento discreto per una vita che sia migliore per tutti. Più unico che raro, Lupo Alberto non è un semplice eroe dei fumetti, ma per i suoi lettori è un amico, un confidente, un esempio da seguire, una presenza costante da amare.»

Ferruccio Giromini

© ColSub Video, 2014

Fino al 21 settembre 2014 al Museo Luzzati si festeggia un compleanno importante: i primi quaranta anni di Lupo Alberto e di tutta la Fattoria McKenzie verranno celebrati con “LUPO ALBERTO, 40 ANNI” una grande mostra di originali e memorabilia di  Silver,inventore del personaggio e delle sue quarantennali vicende.

Da quando vennero pubblicate per la prima volta sul Corriere dei Ragazzi nel 1974, le storie che ruotano attorno alla fattoria e a Lupo Alberto appassionano generazioni di fan. Dalle prime brevi strisce, ai libri interamente dedicati, fino alla nascita del “Mensile di Lupo Alberto” nel 1985 (da allora regolarmente pubblicato), la mostra documenta lo sviluppo dell’atipico, simpatico e sfortunato predatoree di tutti i personaggi che vivono intorno alla Fattoria.

Innamorato della gallina Marta e in perenne contrasto con il cane MosèLupo Alberto è contornato da tanti personaggi entrati non meno di lui nel cuore dei lettori, a partire dall’irresistibile  talpa Enrico con la moglie Cesira, la gallina Alice amica del cuore di Marta, il colto maiale Alcide, lo sciocco papero Glicerina, l’irascibile toro Kruge tanti altri.

Oltre alle strisce e alle  tavole originali (ben 120!), il mondo di Lupo Alberto verrà ricreato attraverso le tante declinazioni cui il personaggio ha dato vita, dai libri alle campagne sociali, dal teatroalle figurine, dal cinema d’animazione ai tanti gadgetCaratteristica specifica e inusuale del personaggio è infatti la facilità con cui ha saputo instaurare un dialogo stretto a tu per tu con i suoi lettori e un conseguente straordinario processo di identificazione. Proprio per questo motivo è stato molto spesso utilizzato come testimonial eccezionalmente efficace per numerose campagne di interesse sociale rivolte in modo particolare ai giovani.

La mostra del Museo Luzzati, a cura di MCK/Silver, Ferruccio Giromini, Sergio Noberini è il primo di una nutrita serie di appuntamenti che celebrano il personaggio di Lupo Alberto e i suoi 40 anni: altre tappe saranno a Napoli, Milano, Firenze, Albissola, Marostica, Rovigo, Roma, Fano Cagliari, Udine, Catania, Lucca e Correggio.

Con il patrocinio di Regione LiguriaComune di GenovaProvincia di Genova, main sponsor Almo Nature, sponsor istituzionale Latte Tigullio, sponsor sostenitore Benedict School, sponsor tecnici Cantine Chiarlo, Faber Castell, Grafiche G7, media partner Andersen, Radio Babboleo.

GUIDO SILVESTRI, IN ARTE SILVER

Fumettista italiano originario di Carpi, noto soprattutto per aver dato vita al personaggio umoristico di Lupo Alberto. 

Nel 1961 la sua famiglia si trasferisce a Correggio, dove Guido resterà per otto anni: all’età di 17 anni decide di tornare a Modena, per iniziare a lavorare nel campo del fumetto nello studio di Franco Bonvicini – alias Bonvi – autore delle Sturmtruppen, con il quale compie il suo apprendistato. Lavora inizialmente su personaggi già famosi come CattivikNick Carter e Capitan Posapiano; in breve amplia le sue attività iniziando ad essere autore delle proprie storie, sempre con questi personaggi come protagonisti.

Nel 1974 avviene la svolta nella sua carriera. Sul Corriere dei ragazzi iniziano a essere pubblicate delle strisce con protagonisti gli animali di una fattoria. Nonostante la prima striscia in assoluto abbia come protagonista un gallo, è un simpatico lupo azzurro il vero protagonista della serie, ambientata nella Fattoria McKenzie, Lupo Alberto, appunto, follemente innamorato di una gallina, Marta, ed ostacolato da un grosso cane bobtail di nome Mosè, guardiano del pollaio. Il personaggio ed i suoi comprimari riscuotono subito un grande successo.

Le sue strisce, oltre che nel fumetto in edicola, si possono trovare anche sul settimanale TV Sorrisi e Canzoni, dove fa il verso ai programmi della televisione italiana. Da oltre vent’anni vive a Milano.

 

000